Inaugurazione mostra “Il Viaggio del Colibrì”

Print Friendly, PDF & Email

Inaugurazione Mostra Colibrì

È stata inaugurata Mercoledì 19 marzo, presso la libreria Rinascita, la mostra “Il Viaggio del Colibrì”: collettiva delle opere realizzate dai ragazzi del Centro Diurno per disabili “Il Colibrì” di Ascoli Piceno in oltre venti anni di attività. Presenti all’evento inaugurale, oltre agli ospiti del centro, l’assessore alle politiche sociali prof.ssa Donatella Ferretti, la sig.ra Velia De Regis, presidente dell’ANIEP di Ascoli Piceno, l’avv. Augusto Eugeni vice presidente nazionale ANIEP e presidente della Coop. Soc. P.A.Ge.F.Ha. onlus, i familiari dei ragazzi frequentanti il centro e molte persone interessate.
Il Colibrì è un centro diurno che ospita attualmente circa 20 soggetti con varie disabilità, di proprietà del Comune di Ascoli Piceno e gestito dalla Cooperativa Sociale P.A.Ge.F.Ha. onlus, è nato nel 1992 per volontà di alcuni genitori di figli disabili, dell’amministrazione comunale, dell’ANIEP sez. di Ascoli Piceno e della stessa Cooperativa Sociale P.A.Ge.F.Ha. onlus. Nel centro vengono ospitati quei ragazzi disabili che hanno terminato il percorso scolastico e che non hanno alternative di tipo lavorativo; al suo interno vengono svolte molte attività e laboratori: artistico, teatro, informatica, pet-therapy, cucina, etc.

“Un volo lungo vent’anni. – ha commentato il sindaco di Ascoli Guido CastelliE’ quello del centro diurno per disabili “Il Colibrì” , una struttura d’eccellenza che da tanti anni assicura una vita migliore ai più svantaggiati e contribuisce ad aiutare tante famiglie del territorio rispetto alle quali è un prezioso punto di riferimento per quanti convivono con i problemi di un familiare diversamente abile, offrendo un importante servizio alle famiglie di giovani portatori di handicap fisico o psichico, assicurando l’accoglienza e provvedendo ad attivare, attraverso la realizzazione di un progetto individuale, la promozione della vita di relazione e lo sviluppo delle competenze personali e sociali. Il Colibrì è un modello nell’applicazione dei principi del rispetto, della dignità umana e dei diritti di autonomia del disabile così come è scritto nel primo articolo della convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità “promuovere, proteggere e garantire il pieno e uguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, e promuovere il rispetto per la loro intrinseca dignità”. Con questa mostra collettiva delle opere realizzate dai ragazzi che sono ospiti del centro, il pubblico, che mi auguro sia numeroso, potrà ammirare non soltanto la bravura degli artisti ma anche l’impegno e la passione che hanno messo in ogni opera. Non siamo tutti uguali ma siamo tutti titolari di uguali diritti ebbene Il Colibrì, grazie ai suoi operatori e collaboratori, è un esempio di alto valore sociale che ribadisce con un lavoro quotidiano portato avanti con amore e grande determinazione, la necessità di una nuova cultura di integrazione.”

“Il Centro Diurno Colibrì è un autentico fiore all’occhiello dei nostri servizi alle persone disabili, – ha affermato con fierezza l’assessore Ferrettiche offre percorsi ludico educativi di alto livello, sostenuti e portati avanti da operatori qualificati e appassionati del proprio lavoro. La mostra rappresenta non solo una giusta gratificazione per i ragazzi che hanno lavorato giorno dopo giorno alla realizzazione di opere bellissime, ma anche un momento di visibilità per il Centro che nella nostra città svolge una funzione così importante.”

“Questa mostra vuole essere un riassunto di più di 20 anni di storia del Colibrì, – ha commentato l’avv. Eugeniche rappresenta ormai una realtà della nostra città ed un punto di riferimento e di sollievo per molte famiglie con figli disabili che hanno terminato il percorso scolastico e, senza il quale, sarebbero costretti in casa.”

Secondo Velia De Regis: “Il Colibrì rappresenta una delle poche realtà esistenti nel nostro territorio e mi auguro che ne possano sorgere altri”.

“Sono stati tanti gli anni di attività svolta dai ragazzi all’interno del “Colibrì”, – ha proseguito la dott.ssa Lara Tomassini psicologa e coordinatrice del centro – anche grazie alla collaborazione ed il sostegno di tanti operatori che con passione, impegno e professionalità hanno creato percorsi di vita insieme. E’ sembrato per questo opportuno e importante rivelare alla Comunità, che anch’essa ci accompagna e ci sostiene, le varie esperienze di vita che si snodano lungo tutto un percorso di laboratori creativi che vedono quotidianamente impegnati i ragazzi del Centro.”

La Mostra, che resterà visibile al pubblico fino a domenica 30 marzo (con ingresso libero), espone molti lavori realizzati dagli ospiti del centro, che vanno dalle opere pittoriche in cui si inseriscono differenti tecniche, dal mosaico al collage, alla pasta al sale, al Laboratorio di Cucina, al Teatro dei Burattini, a quello di Educazione Stradale, fino ad arrivare al laboratorio teatrale, il quale si concluderà con una performance il prossimo 16 aprile al teatro Ventidio Basso, nell’ambito della manifestazione Teatrando 2014”.
La mostra è l’occasione per avvicinare il pubblico al significato di esperienza insieme.

Rispondi